3 tetti in una domenica!

Report di domenica 17 maggio 2020.

Visto sempre il periodo di pandemia, andiamo ad aggiungere nodi alla rete così che chi abita quella casa sia connesso alla rete mesh interna ma anche all’internet.

Ieri abbiamo aggiunto un nodo nuovo: cincia, verificato che una delle antenne tplink che pensavamo funzionante(cimice) in realtà non lo è e poi “ravvivato” un nodo che avevamo messo nell’inverno ma che con l’arrivo della primavera e delle foglie sugli alberi ha perso un saaacco di segnale.

La settimana era iniziata con un nuovo nodo, ghiandaia, che si è aggiunto da solo. Ovvero noi gli abbiamo procurato l’antenna ed il router, già configurati, e lei si è aggiunta alla rete da sola!

Evviva!

Abbiamo inaugurato una nuova rete di “nomi”, ora dopo le antenne insetto ed i router piante, abbiamo i  bridge uccellini.. eggià.. sono antenne che hanno su software proprietario e sono in bridge, quindi una volta messe nella rete, lasciano assegnare gli indirizzi IP dalle altre antenne. Ne abbiamo 2 al momento, in realtà è una scelta obbligata, nel senso che quel modello di antenna non siamo riuscite a flasharlo con LibreMesh.. e visto il momento abbiamo deciso di usarle lo stesso.

Ma devo dire che funzionano bene e non ci fanno interferenza nel network, non separano nessun* in sottoreti.

hem.. la realtà è che dobbiamo comprare nuove antenne perchè le abbiam quasi finite…. 🙂

Quindi ieri al mattino siamo andati a montare cincia, la cosa notevole è che il proprietario di casa non ha esistato un attimo a fare un buco nel muro per far l’entrata del cavo in salotto 🙂 unico appunto ci siamo scordate di fare la pieghina al nodo in esterno per fare in modo che non si tiri dentro l’acqua. Basta una piega per fare un’ansa che pende verso il basso e stringerla con una fascetta.

 

Poi abbiamo spostato l’antenna Calabrone da dentro ad una finestra ad una bella asta sul tetto, dandogli un notevole miglioramento del segnale!

Per ultimo siamo andati a Castello ed abbiamo tolto Cimice, che faceva finta di rispondere ma poi si spegneva e gli abbiam messo Mosca, una ubiquiti m5 nanostation xm. Che si collega a Calabrone. Siamo passati da -87dbm a -74dbm.

Notevole!